Skip Navigation LinksHome page » Aggiornamenti scientifici » Combattere la cellulite grazie alla radiofrequenza
Combattere la cellulite grazie alla radiofrequenza
Analisi clinica e di laboratorio del trattamento
Uno dei problemi estetici che accomuna la maggior parte delle donne, a partire dall’età postpuberale, è la presenza di cellulite su cosce e glutei. Con l'avanzare dell'età, infatti, il turnover cellulare diminuisce e, complici anche sedentarietà, ormoni e diete sregolate, la pelle in queste zone inizia ad assumere sempre di più il cosiddetto aspetto ‘a buccia d’arancia’.

In un’indagine pubblicata sulla rivista scientifica Dermatologic Surgery è stato testato il dispositivo unipolare della radiofrequenza Accent Prime di Alma Lasers per combattere questi inestetismi. L’obiettivo primario è stato determinarne l’efficacia nonostante un minor numero di sedute rispetto ad altri trattamenti. In secondo luogo, è stato valutato se tale tecnica potesse produrre effetti indesiderati sul metabolismo dei lipidi.

Per lo studio, sono state prese in esame trenta pazienti con cellulite nella parte superiore e laterale delle cosce, trattate a settimane alterne per un totale di sei sedute. La valutazione dei risultati è stata altamente accurata, grazie a controlli effettuati prima e sei mesi dopo la procedura, attraverso fotografie, misurazioni cliniche, biopsie e controllo dei livelli di trigliceridi e colesterolo nel sangue.

I risultati sono stati molto positivi: ventisette soggetti hanno mostrato un importante miglioramento clinico a seguito del trattamento con dispositivo Alma Lasers, con una diminuzione media della circonferenza delle cosce di ben 2,45 cm, riduzione della ritenzione idrica e dell’aspetto a buccia d’arancia, miglioramento delle irregolarità cutanee e maggiore compattezza dei tessuti. Inoltre, non è stata evidenziata alcuna complicanza a livello della pelle o del metabolismo lipidico.



Articolo rielaborato da Pietro Lorenzetti

Originale pubblicato in:
Dermatologic Surgery
Vol 34 (2) NP204–NP209
© 2007 by the American Society for Dermatologic Surgery, Inc.
DOI: 10.1111/j.1524-4725.2007.34038.x



stampastampa
numero verde

Prenota una visita