Skip Navigation LinksHome page » In tv » Gluteoplastica per migliorare il lato B
Gluteoplastica per migliorare il lato B
Lorenzetti ne parla a Pomeriggio 5

Negli Stati Uniti l'intervento più richiesto è quello di gluteoplastica per migliorare il cosiddetto lato B. Se ne fa uno ogni mezz'ora!
Se ne è parlato a Pomeriggio 5 del 18 marzo 2016 al quale ha partecipato anche il Professor Lorenzetti, in collegamento dal Congresso AICPE di Firenze.

Sono molte le protagoniste del mondo dello spettacolo internazionale che si sono sottoposte ad interventi di chirurgia plastica per i glutei e che, anche tramite questa caratteristica fisica, hanno avuto successo nel loro ambito.
Il Professor Lorenzetti è accompagnato da Miriam, una sua paziente, che negli anni passati si è sottoposta alla liposcultura per eliminare del grasso localizzato attraverso la tecnica del lipofilling, che le ha permesso di riutilizzare l'adipe asportata. Rimasta contenta dell'operazione, pochi mesi fa Miriam si è sottoposta ad un intervento di mastoplastica additiva per migliorare l'aspetto del seno.

pomeriggio5_180316Parlando poi nel dettaglio della gluteoplastica, Lorenzetti spiega che si tratta di un intervento che prevede l'utilizzo di una protesi aventi due profili che possono essere collocati diversamente a seconda che si voglia riempire il polo superiore o quello inferiore del gluteo. La tecnica intramuscolare consente di inserire la protesi all'interno del muscolo, in modo da garantisce una proiezione corretta, l'impalpabilità e l'invisibilità della protesi. Ovviamente, è necessario avere una tecnica precisa, effettuare un corretto disegno preoperatorio e verificare con la paziente le richieste e le aspettative.
Un importante vantaggio di questo intervento è la localizzazione della cicatrice all'interno dei glutei: anche da nudi ed in posizione eretta, la cicatrice non è visibile, ragione per la quale l'intervento registra molte richieste in tutto il mondo.
Lorenzetti sottolinea che la protesi glutea, collocata all'interno del muscolo, permette di sedersi dal giorno successivo all'intervento. Ma subito dopo l'intervento la paziente assume già a letto una posizione supina, poggiandosi sul sedere. Questo è possibile perché la protesi si trova in una posizione più alta rispetto a quella nella quale ci si siede.
L'intervento ha l'enorme beneficio di risolvere il problema dei glutei piatti definitivamente. Nel caso di assenza del gluteo o di glutei estremamente piatti (cosiddetto "sedere piatto"), viene a mancare la proiezione degli stessi. Di conseguenza, anche la palestra, sempre consigliata da Lorenzetti per mantenersi in forma, non è utile.
In alcune circostanze, alla gluteoplastica è associato un lipofilling che permette l'inserimento di grasso dello stesso paziente proveniente da fianchi, interno ginocchio, ecc., per migliorare ulteriormente i contorni e il risultato estetico finale.

In chiusura del suo intervento, Lorenzetti torna a parlare di un tema molto caro, la sobrietà in chirurgia plastica, ribadendo il suo no agli eccessi. Il chirurgo plastico invita i pazienti a consultare le linee guida dell'AICPE per la chirurgia plastica che offrono un orientamento su cosa fare e cosa non fare.

Per vedere l'intervento del Professor Lorenzetti a Pomeriggio 5 del 18 marzo 2016, clicca qui e posiziona il cursore al minuto 32.

numero verde

Prenota una visita