Skip Navigation LinksHome page » Chirurgia della calvizie » Le cause della perdita di capelli
Le cause della perdita di capelli
Diagnosi ed esami da effettuare

La perdita di capelli può rappresentare una condizione di disagio, anche estremo nel caso delle donne, per i (nei) pazienti che ne soffrono.
Prima di prendere in considerazione la possibilità di sottoporsi ad un intervento di trapianto di capelli, è importante indagare le cause della caduta dei capelli per scegliere la terapia più opportuna da adottare.
È importante capire che l’autotrapianto non può e non deve essere considerato come uno strumento che da solo riesce a risolvere il diradamento o la calvizie. Se  prima non si individuano e si curano le cause responsabili della caduta dei capelli, l’autotrapianto potrebbe addirittura portare ad un peggioramento del quadro clinico.
Il consiglio, per coloro che vivono questo disagio, è quello di avere pazienza, di fidarsi dell'esperienza del Chirurgo e di seguire le indicazioni e le cure del Dermatologo. I risultati di una sana capigliatura, non tarderanno ad arrivare e saranno stabili.

L'intervento di autotrapianto va programmato con il chirurgo plastico esperto e specializzato in trattamenti per la calvizie.
La raccolta dei dati sulla storia personale dei pazienti, le  foto che ne documentano lo stato, gli esami del sangue, il pull-test, il tricogramma, la dermatoscopia in epiluminescenza, sono parte delle indagini che si effettuano per  stabilire qual è la soluzione più idonea a risolvere la perdita di capelli.

I seguenti esami consentono di aiutare alla determinazione della causa della caduta dei capelli:

  • Emocromo
  • Glicemia
  • Sideremia
  • Cupremia
  • Ferritinemia
  • Magnesemia
  • Zinchemia
  • VES
  • Gonadotropine FSH-LH
  • Acido folico, Vit.B12
  • TSH, FT3 e FT4
  • Proteine totali
  • Anticorpi antiperiossidasi
  • Anticorpi antireoglobulina

Con i valori del  FT3-FT4-TSH si valutano la funzionalità della tiroide per escludere l’ipotiroidismo, specie se sub clinico, o una tiroidite autoimmune entrambi responsabili della caduta dei capelli.
Effettuando le analisi di laboratorio, inoltre, è importante tenere in considerazione che i valori di alcuni micronutrienti ritenuti normali nella medicina tradizionale cambiano, se stiamo effettuando un’indagine tricologica.

Casi rari, ma pur sempre possibili sono l’alopecia areata incognita (LES) la cui diagnosi è possibile con una biopsia del cuoio capelluto.

Una perdita di capelli localizzata o massiva può dipendere o da un effluvio, a volte transitorio, o da una delle diverse forme di alopecia. Verranno presentate in dettaglio le differenze e le possibili cure.
Le cure devono essere prescritte e monitorate sotto stretto controllo del Dermatologo e del Chirurgo. Senza una valutazione Specialistica le cure “fai da te” sono sconsigliate e pericolose.

numero verde

Prenota una visita