Skip Navigation LinksHome page » Testimonianze » La motivazione che spinge all'intervento
La motivazione che spinge all'intervento
Il racconto di una paziente del Prof. Lorenzetti
Mi sono avvicinata al mondo della chirurgia plastica quando ero ancora adolescente un po' per amore della medicina e un po' perché sognavo l'intervento che mi avrebbe dato i fianchi e il seno che desideravo. Sono cresciuta visitando i siti internet di chirurghi plastici, alcuni anche molto “famosi” ma niente... c'era qualcosa che non mi convinceva... sì bel curriculum, ognuno sembrava essere perfetto ma non mi partiva quel qualcosa da dentro che mi spingesse a fare il primo passo...contattare il chirurgo!!!
Poi il giorno in cui scattò quel qualcosa è arrivato, lo ricordo benissimo...era primavera, la prova costume era vicina e i miei complessi mi mangiavano il cervello ogni giorno di più... ero a pranzo, tv accesa, stavano trasmettendo il noto programma di Luciano Onder “Medicina 33”... sembrava un segno del destino, si parlava di liposcultura e di mastoplastica, io istintivamente alzo il volume e seguo attentamente... senza nulla togliere ad altri professionisti, ma sentir parlare il Prof. Lorenzetti con quel suo modo sicuro, la sua capacità di affrontare l'argomento in questione in maniera dettagliata, precisa, ponendo l'accento sull'importanza della scelta di professionisti e strutture adeguate, ha fatto scattare in me quel qualcosa. La prima cosa che ho fatto è stato dire a mia madre “Guarda bene quest'uomo!!! Lui sarà il mio chirurgo!!!”
M'informo sul Professore, cerco il suo sito internet, capisco di averci visto giusto e mi faccio guidare dal mio istinto, chiedo un appuntamento! Ricordo ogni singolo incontro con il Prof. Lorenzetti come se lo stessi vivendo in questo momento, ogni volta è in grado di trasmettere qualcosa, quella carica in più di cui ogni persona ha bisogno.
Parlare delle sue eccellenti (a dir poco) capacità da chirurgo non è mio compito, io voglio soffermarmi a sottolineare ciò che lo rende differente e speciale rispetto ad altri. E' una persona di elevato livello culturale, un professionista con la P maiuscola, un uomo affascinante, avrebbe tutte le carte in regola per “tirarsela” come i classici professori e invece no, è una persona alla mano, una persona generosa... una persona che non si pone di fronte ad un paziente con una cartella clinica in mano ponendole quasi un interrogatorio, senza neanche guardare quella persona negli occhi, credendo di aver di fronte un oggetto, un salvadanaio pronto a rompersi per pagare l'intervento. E' un professionista che sta CON il paziente, lo guarda, lo studia, coglie la mimica del volto, la gestualità... poiché ha ben capito che dietro alle svariate richieste che ogni giorno riceve ci sono delle ben precise ed importanti motivazioni psicologiche a cui pone particolarmente attenzione, da cui non si può prescindere! Il corpo non è un oggetto, non è una macchina, è mosso da un'anima come il Prof. Lorenzetti ha ben intuito! Cosa voglio dire con questo? Voglio dire che, arrivata nello studio del Prof. non si respira quell'aria fredda, tipica degli studi dei grandi luminari della chirurgia, v'è una accoglienza calda, familiare, persone pronte ad ASCOLTARE, che sanno consigliare il paziente, che gli stanno vicino in tutto il suo percorso.
Potrei scrivere un libro sul mio incontro con Lorenzetti e sulla persona straordinaria che è, ma concludo dicendo che sono ORGOGLIOSA di essere una sua paziente, per me è un vanto dire “sono stata operata da” e non smetterò mai di ringraziarlo per ciò che ha fatto per me. Con un singolo intervento, eseguito a regola d'arte, mi ha restituito la fiducia in me stessa, quello che mi mancava, dandomi delle forme assolutamente naturali, senza stravolgere la mia figura, consentendomi di rimanere me stessa, potenziando semplicemente le mie qualità. Ogni volta che indosso un vestito o  mi guardo allo specchio lo ringrazio, dico tra me e me, affettuosamente, questo lo devo a “Zio Pietro”, grazie a lui posso guardarmi allo specchio e piacermi, ho recuperato l'essere solare, la voglia di vivere a 360 gradi. Ma la cosa più importante è che ho riscoperto l'amore, cosa vuol dire sentire le farfalle nello stomaco, per il semplice fatto che prima dell'intervento mi vergognavo di me stessa ed automaticamente mi precludevo la possibilità di stare con qualcuno.
Grazie, grazie, grazie Prof.!!! So che non basteranno tutti i grazie di questo mondo per ciò che ha fatto per me, ma glielo dico ugualmente!
Ringrazio anche tutte le persone che collaborano con  il prof. Lorenzetti, dalla dolcissima dottoressa Sangregorio, alla precisissima Barbara alle infermiere, ma ringrazio, in particolare, Manuela e Natalia, che non sono delle semplici segretarie e questo l'ho capito al primo sguardo... mi hanno sostenuto dalla prima visita, mi sono state vicino in tutto il percorso, prima durante e dopo l'intervento e ora a distanza di un anno da quel giorno in cui la mia vita cambiò ci sono ancora. Sono delle grandi amiche, delle persone meravigliose che hanno contribuito a farmi sentire a casa, come se fossi nella mia famiglia, come delle sorelle. Se tornassi indietro ripeterei questa esperienza ogni volta perché sono tornata a casa più leggera fisicamente, ma più pesante per tutte le emozioni e le persone speciali che mi sono portata nel cuore. GRAZIE A TUTTI!
Miriam Telesca

Lorenzetti è un professionista che sta con il paziente, lo guarda, lo studia, coglie la mimica del volto, la gestualità... poiché ha ben capito che dietro alle svariate richieste che ogni giorno riceve ci sono delle ben precise ed importanti motivazioni psicologiche a cui pone particolarmente attenzione, da cui non si può prescindere!

Miriam
stampastampa
numero verde

Prenota una visita