Skip Navigation LinksHome page » Il ritocchino per gli uomini
Il ritocchino per gli uomini
Lorenzetti parla di chirurgia plastica maschile a Pomeriggio5

Sempre più uomini si rivolgono alla chirurgia estetica per migliorare il proprio aspetto fisico.
La puntata di Pomeriggio5 del 4 febbraio 2016 parla della chirurgia plastica maschile e dell'aumento di richieste degli uomini negli ultimi anni: dal naso agli addominali, dai polpacci ai capelli, fino a chi esagera per assomigliare ai propri idoli.
In studio ed in collegamento ci sono diversi ospiti, tra i quali il Professor Lorenzetti, in diretta dalla Nuova Villa Claudia di Roma, insieme a Mario, un suo paziente che ha subito pesanti danni a causa di un trapianto di capelli male eseguito.

lorenzetti_chirurgia_maschileNel corso del programma viene presentata la presunta tecnica di intervento di un chirurgo italiano che, sostenendo di "essersi rifatto da capo a piedi", dichiara di aver inventato insieme al suo staff la "scultura muscolare", una metodica che consente di cambiare la forma del proprio corpo in ogni dettaglio. In particolare, il dottore sostiene di aver inventato la tecnica per rifare i glutei a forma di diamante.
Lorenzetti sottolinea prontamente che oggi le tecniche scientifiche di chirurgia estetica per i glutei prevedono l'utilizzo di protesi o del grasso autologo del paziente. L'unico modo per presentare una nuova tecnica è quella di illustrarla con basi scientifiche e la scultura muscolare non sembra avere queste evidenze.

Mario, il paziente del Professor Lorenzetti, racconta la sua storia. Dopo essersi affidato ad un chirurgo per un trapianto di capelli, ha subito degli evidenti danni al cuoio capelluto che gli hanno anche causato problemi di depressione, facendogli perdere 15 chili. Mario racconta che il chirurgo a cui si era affidato non l'ha nemmeno sottoposto ai normali controlli preoperatori come analisi del sangue ed elettrocardigramma e alla fine dell'intervento gli ha applicato una strettissima fasciatura che ha dovuto tenere per una settimana.
Il caso di Mario è emblematico, sottolinea Lorenzetti, perché rappresenta una chirurgia male impostata e realizzata da incompetenti. Invece di realizzare un intervento monobulbare, impiantando uno per uno i bulbi piliferi con una crescita individuale del capello, sono stati impiantati ciuffi da 20-30 capelli con un risultato finale fortemente antiestetico.
Lorenzetti ha agito con Mario con la tecnica FUE, evitando la cicatrice dietro la nuca e prelevando uno ad uno i bulbi piliferi da reimpiantare singolarmente. Dopo l'intervento il paziente ha un periodo di attesa di circa 3 mesi, dopo di cui i capelli ricominciano a crescere al ritmo naturale di un centimetro al mese. Per completare l'intervento di Mario, dopo una prima seduta votata a camuffare l'aspetto estetico scadente, sarà necessario una seconda operazione di infoltimento e maggiore densità al cuoio capelluto.

Tornando a parlare della "scultura muscolare", Lorenzetti evidenzia un dato molto importante in termini di sicurezza: aspirare 9 litri di grasso, come sostiene di aver fatto su se stesso l'altro chirurgo plastico, è molto pericoloso per l'equilibrio del corpo. La liposcultura, infatti, è un trattamento che permette di eliminare una determinata quantità di grasso localizzato. In un intervento sicuro, non vengono mai superati i 4 litri di prelievo di grasso e solo se il paziente ha una stazza significativa. Anche se si utilizzano tecniche molto raffinate, l'aspirazione del grasso comporta comunque una perdita di sangue e di elettroliti molto significativa. Se un paziente, quindi, elimina 4 litri di sangue avrà, inevitabilmente, un abbassamento dei valori del sangue (ad esempio, l'emoglobina). Un caso di questo tipo comporta un post-operatorio rischioso che richiede particolare attenzione da parte di chi opera. Le vecchie tecniche di liposcultura che si utilizzavano in passato, con l'aspirazione di anche 10 litri di grasso con la liposuzione ultrasonica, sono state abbandonate perché più di un paziente è morto.

Lorenzetti conclude in maniera perentoria: "Stiamo attenti al messaggio che passiamo: il fisico si può definire con una bella alimentazione ed attività fisica, ma ridefinire un corpo eliminando 9 litri di grasso è una cosa che, personalmente, non voglio sentire!".

Per vedere l'intervento del Professor Lorenzetti a Pomeriggio5 del 4 febbraio 2016, clicca qui e posiziona il cursore al minuto 33.

numero verde

Prenota una visita