Skip Navigation LinksHome page » Aggiornamenti scientifici » Mastopessi e aumento del seno: interventi combinati e nuove tecniche
Mastopessi e aumento del seno: interventi combinati e nuove tecniche
Tendenze e procedure secondo l’American Society for Aesthetic Plastic Surgery

Negli ultimi anni le ricerche e le innovazioni nel campo della chirurgia plastica del seno hanno permesso di migliorare le tecniche a disposizione, integrandole con nuove procedure. Secondo un articolo dell’American Society for Aesthetic Plastic Surgery pubblicato sull’Aesthetic Surgery Journal (Oxford University Press), oggi gli interventi combinati di mastopessi e aumento del seno in un’unica operazione risultano sempre più sicuri nei casi di pazienti che desiderano o necessitano entrambe queste procedure.
Una serie di fattori come età, cambiamenti ormonali o perdita di peso possono portare alla necessità di intervenire sui tessuti: l’operazione di mastopessi permette di restituire alle pazienti un seno ringiovanito ed armonico. L’obiettivo di questo intervento è equilibrare i seni dalle forme irregolari, intervenendo ad esempio sulla posizione del capezzolo e/o sulla geometria dell’areola.

Ad oggi la mastopessi può essere effettuata con diverse tecniche (periolare, verticale, Wise pattern ed altre) e le procedure più efficaci sono quelle che prevedono la manipolazione del tessuto mammario. Sempre secondo la ricerca americana, gli interventi di mastopessi che includono anche una redistribuzione del tessuto mammario (parenchima) sono da preferirsi a quelli che prevedono soltanto un’azione a livello del tessuto cutaneo.
Tra le varie nuove tecniche di mastopessi, l’utilizzo di reti di sostegno (mesh) al tessuto cadente garantisce risultati più duraturi nel ripristino della struttura del seno, assicurando ottimi risultati anche a 4-5 anni di distanza dall’intervento. Le reti utilizzate in questa tecnica possono essere stampate in 3D in poliestere o essere in materiali biocompatibili: è stato dimostrato che il loro impianto induce la formazione di collagene nell’area interessata e in generale migliora la struttura della zona pettorale senza causare rigidità.

La continua ricerca e l’impiego di materiali innovativi hanno permesso negli ultimi anni di migliorare le tecniche a disposizione per effettuare l’intervento di mastopessi, che continua ad essere tra i cinque interventi più richiesti dai pazienti.

Testo riadattato da Pietro Lorenzetti
Fonte: “Mastopexy and Mastopexy-Augmentation”, Aestethic Surgery Journal 2018, vol. 38 (4) 374-384 (The American Society for Aestethic Plastic Surgery, Oxford University Press).

numero verde

Prenota una visita