Skip Navigation LinksHome page » News » Una importante perdita di peso spinge a rivolgersi alla chirurgia plastica
Una importante perdita di peso spinge a rivolgersi alla chirurgia plastica
Lo rivelano i dati dell'ASPS

Secondo i nuovi dati pubblicati dalla American Society of Plastic Surgeons (ASPS), l’aumento del numero di interventi chirurgici per la perdita di peso negli Stati Uniti sta cominciando ad avere un effetto a catena in chirurgia plastica.
Secondo lo studio, le procedure specificamente associate ad una importante perdita di peso, tra cui addominoplastica, lifting delle cosce, lifting del seno e delle braccia, hanno registrato un considerevole incremento tra il 2010 e il 2014. Questo incremento segue quello analogo di procedure chirurgiche per la perdita di peso.
"Pensiamo che ci sia una correlazione tra i due tipi di procedure, e ci aspettiamo che il trend continui", hanno dichiarato il Presidente ASPS, Scot Glasberg, e chirurgi plastici di Manhattan, New York. "I pazienti che hanno subito una importante perdita di peso rappresentano l’ambito che più è cresciuto nella mia professione e sono sicuro che anche altri colleghi in tutto il paese possono confermarlo".

Nel 2013, 179.000 americani hanno subito un intervento chirurgico di perdita di peso, una media di quasi 500 interventi al giorno. Secondo la società americana di chirurgia bariatrica e metabolica, questo dato è il più alto dal 2009 e il terzo mai registrato. In questo stesso periodo gli interventi di chirurgia plastica legati alla perdita di peso sono cresciuti allo stesso ritmo.
Il lifting delle cosce e delle braccia hanno avuto il loro maggiore aumento degli ultimi cinque anni nel 2014, entrambi superiori al 9%. L’addominoplastica è aumentata del 4% e le procedure di lifting del seno hanno registrato un incremento del 10%, con un picco nel 2009, quando l'ASPS ha iniziato specificatamente a tracciare gli interventi effettuati su pazienti che hanno subito una importante perdita di peso.   "Questo fenomeno non si può attribuire ad altri fattori se non all’aumento del numero di pazienti che subisce grandi perdite di peso e che cerca di prendersi cura dei problemi che riporta dopo un intervento di chirurgia per la perdita di peso", sostiene il dottor Glasberg. "Da una parte sono contenti di aver perso così tanto peso, ma adesso il loro problema è cambiato".

Coloro che subiscono una massiccia perdita di peso si ritrovano spesso con una quantità eccessiva di rilassamento cutaneo, soprattutto nelle cosce, sotto le braccia, intorno all'addome e al seno. La pelle in eccesso può essere non solo sgradevole e scomoda, ma in molti casi può essere dolorosa.
"È stato difficile per me allenarmi. Non ho potuto fare esercizi aerobici o addirittura correre, perché la pelle in eccesso era davvero malandata e nessun tipo di compressione della zona avrebbe cambiato questa cosa", sostiene un paziente americano. Sei anni fa questa persona aveva subito un intervento di chirurgia bariatrica, aveva perso più di 60 kg, ma non le importava quanto peso avesse buttato giù, ancora non le piaceva quello che vedeva. "Portavo un sacco di peso sulla pancia ed era come se il mio stomaco fosse ancora così grande. Anche se sapevo che non era così, anche se sapevo che la mia taglia abbigliamento era diminuita di sei dimensioni, ero ancora impressionato dalla mia pancia e la cosa mi faceva totalmente uscire di testa".
"Non è raro", sostiene il chirurgo plastico del paziente, Jason Lichten. "Questi pazienti hanno l'enorme peso psicologico di guardare nello specchio e vedere tutto questa pelle in più che è appesa al loro corpo, e non importa quanto peso si sia perso, molti di loro continuano a vedere se stessi come pesante a causa di questo fattore".

Nel 2014, circa 45.000 pazienti che hanno avuto una massiccia perdita di peso hanno anche scelto di sottoporsi a chirurgia plastica per rimodellare il proprio corpo. Anche se questi numeri rappresentano il maggiore incremento in un singolo anno in quasi mezzo decennio, si tratta ancora di solo una piccola parte dei pazienti che possono trarne beneficio.
"In futuro ci piacerebbe essere parte del processo dall'inizio, da prima che i pazienti inizino a prendere in considerazione la chirurgia per la perdita di peso", dichiara il dottor Glasberg. "Un sacco di volte i pazienti pensano la perdita di peso attraverso la chirurgia sia la risposta ai loro problemi, quando in realtà potrebbe essere solo una tappa nel processo".
Il dottor Lichten è d'accordo. "Se i chirurghi plastici fossero coinvolti nel percorso dei pazienti in precedenza, potremmo non solo dare loro un'idea più realistica di cosa aspettarsi da un punto di vista fisico, ma saremmo in grado di aiutarli a elaborare un piano per qualsiasi intervento successivo alla loro perdita di peso".
Questo sarebbe qualcosa che quel paziente vorrebbe aver fatto. Era così concentrato sulla perdita di peso che non sapeva che ci sarebbero potuti essere interventi di follow-up. "Non mi ero reso conto che la chirurgia plastica era un'opzione. Ho pensato che il prezzo non era alla mia portata, ma invece non era così. Sono contento di averlo fatto, perché ha cambiato la mia vita".

Fonte: PlasticSurgery.org

numero verde

Prenota una visita