Skip Navigation LinksHome page » In tv » Medicina e chirurgia estetica quando passano gli anni e dopo il dimagrimento
Medicina e chirurgia estetica quando passano gli anni e dopo il dimagrimento
Il Professor Lorenzetti ospite di Pomeriggio 5
Trattamenti estetici di chirurgia plastica, è giusto o meno effettuarli? Quali sono i pro e quali i contro? Di questo argomento si è discusso nel corso della puntata del 7 giugno 2013 di Pomeriggio 5 di cui è stato ospite anche il Professor Lorenzetti.

L'argomento viene aperto da una intervista tripla che mette a confronto le risposte di tre donne di tipologia diversa che si sono sottoposte ad uno o più trattamenti di chirurgia plastica. In studio si parla delle motivazioni che spingono all'intervento che possono essere più o meno profonde e sentite dai pazienti.
Nel suo primo intervento il Professor Lorenzetti sottolinea che non è possibile annuallare completamente i segni dell'avanzare dell'età semplicemente seguendo una dieta regolata, alimentandosi correttamente ed esponendosi poco al sole. Esistono poche persone che sono geneticamente favorite in tal senso, ma la maggior parte della popolazione ha bisogno di aiuti di chirurgia e medicina estetica per combattere lo scorrere degli anni.
Lorenzetti sottolinea che, con il passare delle stagioni, il viso di una persona non può non mutare fisiologicamente. Si registra, infatti, un abbassamento del terzo superiore (il sopracciglio) e della regione zigomatica con la conseguente formazione di eccessi cutanei.
La trasmissione ospita poi una paziente del Professor Lorenzetti. A seguito di un dimagrimento di circa 50 chili consguito con una dieta ferrea, Chiara si è ritrovata con un considerevole eccesso di pelle. Chi dimagrisce così tanto, sottolinea Lorenzetti, ha un grande beneficio di natura funzionale, ma dal punto di vista estetico evidenzia dei problemi importanti. Chiara dichiara di essersi sottoposta ad un lifting circonferenziale, comprensivo di addominoplastica, lifting ai fianchi ai glutei e alle cosce.
La discussione si sposta poi sulle cicatrici che questo tipo di interventi lasciano. Il Professor Lorenzetti sostiene che il lifting alle braccia può essere indicato in pochi casi poiché la cicatrice resta visibile, mentre per il lifting circonferenziale il taglio resta nascosto nello slip o nel costume e per il lifting cosce, il segno è verticale e non visibile.
Lorenzetti sottolinea con forza che quello al quale si è sottoposta Chiara non è un intervento per tutti, ma indicato per chi ha un enorme eccesso di pelle e fa fatica ad accettarsi. E' importante perdere peso a prescindere dal voler o meno ricorrere ad un intervento successivo di chirurgia plastica. Chi perde tanto peso e ha tanta pelle in eccesso deve sapere, però, che si può tornare ad avere un aspetto normale attraverso la chirurgia estetica.

numero verde

Prenota una visita