Skip Navigation LinksHome page » In tv » Le star contro gli eccessi in chirurgia plastica
Le star contro gli eccessi in chirurgia plastica
Lorenzetti ne ha parlato al TG2 Cosutme & Società

Ritorno alla bellezza naturale, ora anche le star si pentono di quel ritocco spesso troppo invasivo.
Se ne è parlato a TG2 Costume & Società del 24 marzo 2014 con un servizio dedicato al tema in cui è intervenuto anche il Professor Lorenzetti.

Inseguire la bellezza ad ogni costo e non accettare che viso e corpo si trasformino nel corso degli anni è un'ossessione che colpisce star e gente comune. Eppure la corsa al bisturi no limits pare essere passata di moda, riferisce il servizio. Il messaggio è 'belle sì ma non a qualsiasi costo', con il rischio di ritrovarsi un viso artificiale uguale alle altre.
Lorenzetti sottolinea che non bisogna inseguire sogni e ideali di bellezza assoluti. "Se c'è realmente un problema, se c'è un difetto dalla nascita, se ci sono aspetti che si possono correggere è bene, ma senza esagerare".

Secondo uno studio l'83% dei pazienti chiede un approccio non inviasivo della chirurgia estetica e la metà insegue risultati naturali, mentre il 60% delle donne ha imparato a convivere con le proprie rughe.
Anche molte star dopo l'epoca di rifacimenti sfrenati si sono pentite pubblicamente. Il servizio, infatti, parla del rapporto con la chirurgia plastica di diverse star, da Mickey Rourke a Cher, da Melanie Griffith a Pamela Anderson, da Meg Ryan a Gwyneth Paltrow, da Nicole Kidman a Cameron Diaz, molte delle quali pentite degli eccessi in chirurgia plastica praticati nel corso degli anni.
Lorenzetti invita alla riflessione su questi aspetti. "Anche il chirurgo deve far riflettere la paziente e spiegaretutto nei dettagli", in modo da far comprendere perfettamente tutti gli aspetti legati ad un intervento di chirurgia plastica.

Nonostante tutto ci sono ancora persone che inseguno la perfezione dei miti del cinema e vorrebbero diventare come loro, magari sottoponendosi ad operazioni ripetute. Presentarsi in studio da un chirurgo plastico con la richiesta di assomigliare ad una star è per il Professor Lorenzetti già di per sè una ragione valida per non operare. "Non sono richieste normali, ma frutto di innamoramenti temporanei. Una paziente di questo tipo non è certamente candidata a sottoporsi ad un intervento di chirurgia estetica".


Per vedere il servizio di TG2 Costume & Società clicca qui.


numero verde

Prenota una visita