Skip Navigation LinksHome page » Chirurgia del viso » Blefaroplastica


CHE COS’È LA BLEFAROPLASTICA?

La blefaroplastica è un intervento di chirurgia estetica che consente di eliminare l’eccesso di cute e/o di grasso dalle palpebre superiori e inferiori. Grazie a questo intervento si possono correggere diversi difetti quali ad esempio palpebre superiori cadenti, borse di grasso e occhiaie che oltre a rendere lo sguardo affaticato, possono talvolta interferire con la vista e limitare il campo visivo.
Attraverso la blefaroplastica è anche possibile modificare la forma dello sguardo mediante il sollevamento e/o il riposizionamento dell'angolo laterale dell'occhio (cosiddetta cantoplastica e cantopessi). L’intervento di blefaroplastica consente di ringiovanire lo sguardo e spesso viene associato al lifting del viso, in modo da dare un risultato più completo ed armonioso al viso del paziente.


COSA FARE PRIMA DELL’INTERVENTO DI BLEFAROPLASTICA?

La blefaroplastica è un intervento altamente personalizzato che necessita di un'accurata visita preoperatoria. Durante la visita il chirurgo dovrà valutare la struttura ossea del volto, la qualità della pelle e dei muscoli perioculari e la presenza di eventuali difetti estetici e/o funzionali. È inoltre molto importante illustrare al paziente chiaramente gli obiettivi e i risultati estetici ottenibili grazie alla blefaroplastica.

Il chirurgo dovrà inoltre valutare adeguatamente le condizioni di salute del paziente al fine di escludere la presenza di alterazioni (ipertensione, problemi di coagulazione o di cicatrizzazione) che potrebbero influire sul risultato finale dell'intervento. Al termine della visita il chirurgo, in accordo col paziente, sceglierà la procedura chirurgica più indicata.


L’INTERVENTO DI BLEFAROPLASTICA

La blefaroplastica viene eseguita praticando un’incisione nel solco palpebrale, viene asportata la cute in eccesso e asportato il grasso in eccesso presente in due nella palpebra superiore ed inferiore.

L’intervento può essere effettuato sia in anestesia generale che anestesia locale (in regime di day hospital) e ha una durata variabile tra i 40 e i 50 minuti. Si tratta di una pratica chirurgica del tutto indolore e termina con l'applicazione ghiaccio sugli occhi. 

 

 




BLEFAROPLASTICA: DECORSO POST-OPERATORIO

Al termine dell’intervento di blefaroplastica il paziente deve di norma passare una notte in clinica e, a partire dal terzo giorno dopo l’operazione può gradualmente riprendere le piccole attività quotidiane, avendo cura di evitare quelle eccessivamente faticose, insieme a saune, bagni turchi ed esposizione ai raggi solari. In fase post-operatoria possono verificarsi ecchimosi e gonfiori nella regione oculare interessata, che possono essere presenti fino a 5-7 giorni dopo l’intervento. 

Trascorsi 4-5 giorni dall’intervento, i punti di sutura applicati vengono rimossi senza lasciare alcun segno sul viso del paziente. Dopo 7-10 giorni si può riprendere l’attività lavorativa se non eccessivamente faticosa, e a partire dalla terza settimana si può riprendere progressivamente a svolgere tutte le altre attività, compresa quella sportiva.

Il risultato di una blefaroplastica ben eseguita è generalmente molto soddisfacente per i pazienti, risultando apprezzabile già dopo le prime tre settimane. I risultati definitivi vengono raggiunti a distanza di circa sei mesi dall'intervento; non si tratta di un intervento dai risultati del tutto permanenti, dato che i tessuti saranno sempre soggetti all'invecchiamento e alla forza di gravità.


LE CICATRICI DELLA BLEFAROPLASTICA SONO VISIBILI?

Nell’intervento di blefaroplastica l’incisione viene praticata nel solco palpebrale superiore o sulla rima palpebrale inferiore, in caso di blefaroplastica inferiore; in entrambi i casi le cicatrici sono totalmente invisibili quando il paziente ha gli occhi aperti. Inoltre, la qualità della cicatrizzazione nella regione palpebrale è eccellente, consentendo alle incisioni di rimarginarsi perfettamente senza lasciare segni visibili. 

Nei casi in cui la blefaroplastica non prevede l’asportazione della cute dalla palpebra inferiore, è possibile eseguire un accesso interno trans-congiuntivale non lasciando alcun segno all’esterno della zona oculare.


FAQ

Chi può sottoporsi ad un intervento di blefaroplastica?

Le persone che hanno una pelle ancora elastica, ma che ha già cominciato a dare segni di cedimento a livello delle palpebre.



Esiste un’età ideale per sottoporsi ad un intervento di blefaroplastica?

La blefaroplastica è un intervento richiesto maggiormente da pazienti nella fascia di età compresa tra i 35 e 60 anni; la tecnica chirurgica può però essere eseguita anche su persone tra i 70 ed 80 anni, a patto che i tessuti del volto conservino ancora una buona elasticità.



Si possono associare alla blefaroplastica altri interventi di chirurgia estetica?

L'intervento di blefaroplastica può essere eseguito da solo o in associazione ad altre tecniche di chirurgia plastica del viso come il lifting del volto o del sopracciglio, o del corpo come la mastoplastica additiva, la liposuzione o altri interventi di chirurgia estetica.



Quali sono rischi e/o complicanze per l’intervento di blefaroplastica?

La chirurgia estetica delle palpebre è una procedura chirurgica abbastanza semplice e se eseguita da un chirurgo specializzato all’interno di strutture ben equipaggiate, i risultati sono generalmente molto soddisfacenti. Affidarsi a cliniche autorizzate e personale competente permette di gestire agevolmente le rare eventuali complicazioni che possono insorgere a seguito dell’intervento, come sanguinamento e infezione. Inoltre, seguire attentamente i consigli del chirurgo per quanto riguarda alimentazione, assunzione di farmaci, alcool e sigarette rappresenta un’importante attività di prevenzione di eventuali complicanze.

numero verde

Prenota una visita